La Francia ha multato Google e Facebook per aver reso troppo difficile il rifiuto dei cookie online

L’autorità francese per la protezione dei dati personali (CNIL) ha multato Alphabet — la società che controlla Google — e Facebook rispettivamente di 150 e 60 milioni di euro per aver reso intenzionalmente difficile agli utenti il rifiuto dei cosiddetti cookie, i file utilizzati per tenere traccia delle attività online.

Secondo il CNIL le due società non avrebbero consentito agli utenti di rifiutare i cookie nelle stesse modalità con cui questi vengono invece accettati. Alphabet e Facebook avranno tre mesi per modificare le loro procedure a riguardo: se non lo faranno entro la scadenza fissata, dovranno pagare una penale di 100mila euro per ogni giorno di ritardo.

Non è la prima volta che la Francia sanziona le grandi società informatiche statunitensi per violazioni sui cookie.

Un anno fa il CNIL multò Google e Amazon di 100 e 35 milioni di euro per aver inserito cookie pubblicitari sui computer degli utenti «senza il consenso preventivo e senza fornire informazioni adeguate».

Nel 2016 anche Facebook ricevette una diffida per aver violato la legge nazionale sulla protezione dei dati personali.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su email

Alcuni nostri clienti